L’As­so­ci­azione rib­adisce l’in­vi­to a non uscire per allena­men­ti o escur­sioni in bici­clet­ta, ripor­tan­do le stesse indi­cazioni che ha dato la Fed­er­azione Ciclis­ti­ca Ital­iana

Emer­gen­za Coro­n­avirus — L’in­vi­to del­la FCI a restare a casa

La Fed­er­azione fa pro­prio l’invito riv­olto dalle Isti­tuzioni di ridurre gli sposta­men­ti a quel­li stret­ta­mente nec­es­sari e per­tan­to invi­ta tut­ti i pro­pri tesserati a stare a casa ed evitare, in questo peri­o­do, gli allena­men­ti all’aperto.

Con­sapev­ole del­la neces­sità di lim­itare, in questo momen­to, il più pos­si­bile i con­tat­ti delle per­sone, cause pri­maria di dif­fu­sione dif­fonder­si dell’epidemia COVID-19, in rispos­ta a numerose richi­este su come com­por­tar­si riguar­do gli allena­men­ti, la Fed­er­azione Ciclis­ti­ca Ital­iana fa pro­prio l’invito riv­olto dalle Isti­tuzioni di ridurre gli sposta­men­ti a quel­li stret­ta­mente nec­es­sari e per­tan­to invi­ta tut­ti i pro­pri tesserati a stare a casa ed evitare, in questo peri­o­do, gli allena­men­ti all’aperto.

Restare a casa è l’unica soluzione per con­tenere il con­ta­gio; si sug­gerisce con forza di adottare ques­ta lin­ea di com­por­ta­men­to. L’attività di allena­men­to, sino al 3 aprile, è per­me­s­sa a chi ha lo sta­tus di pro­fes­sion­ista, per­ché fa parte del pro­prio lavoro, e agli atleti di inter­esse olimpi­co. In tut­ti gli altri casi la Fed­er­azione invi­ta a sospendere in questo peri­o­do di allena­men­ti all’aperto. Chi può si alleni a casa con i rul­li, in atte­sa di nuove dis­po­sizione e in atte­sa che la situ­azione si nor­mal­izzi. Al riguar­do la Fed­er­azione sta stu­dian­do soluzioni per le Soci­età e tesserati che per­me­t­tano l’allenamento a casa con tutor online.

E’ il momen­to del­la respon­s­abil­ità – ha ricorda­to il pres­i­dente Di Roc­co – in ques­ta impor­tante fase del nos­tro Paese devono prevalere il buon­sen­so e il rispet­to degli altri; ele­men­ti fon­da­men­tali nel cons­es­so civile e soprat­tut­to nel­lo sport. Per­tan­to il nos­tro invi­to e quel­lo di restare a casa”.

In mer­i­to a diverse pre­sunte inter­pre­tazioni del­la FCI del Decre­to del Pres­i­dente del Con­siglio dei Min­istri del 9 mar­zo 2020, dif­fuse via social in questi giorni, la Fed­er­azione pre­cisa che la posizione del­la Fed­er­azione Ciclis­ti­ca Ital­iana è espres­sa uni­ca­mente sul sito fed­eralewww.federciclismo.it.

Previous reading
Pasqua 2020
Next reading
Comunicato Corsi MTB